Diventare tatuatore o piercer

Il regolamento di attuazione costituisce l’anno zero per le figure professionali di tatuatori e piercer.

Coloro che esercitavano tale attività prima all’entrata in vigore del regolamento devono conseguire il riconoscimento della qualifica professionale, presentando autocertificazione sull’attività svolta e frequentando un corso obbligatorio di 90 ore in materia igienico – sanitaria. Per continuare a svolgere l’attività devono inoltre adeguarsi a ai requisiti minimi strutturali, gestionali ed igienico sanitari previsti dal regolamento nei termini fissati dal regolamento attuativo della legge regionale 28/2004.

Chi vuole intraprendere l’attività deve essere in possesso della qualifica professionale di tecnico qualificato in tatuaggio o piercing, qualifica che si ottiene frequentando corsi della durata di 600 ore secondo gli standard minimi previsti dagli allegati I e L del regolamento.
Coloro che sono in possesso della qualifica di estetista  devono frequentare un corso i cui contenuti sono definiti negli allegati M (tatuatore) ed N (piercer).
L’attività può essere quindi esercitata presentando una dichiarazione di inizio attività (Dia) al Comune territorialmente competente, il quale verificati i requisiti minimi strutturali, gestionali ed igienico sanitari previsti al Titolo II del regolamento, rilascia l’autorizzazione all’esercizio.
 

Requisiti igienico sanitari
I requisiti igienico sanitari e le procedure per l’esecuzione di tatuaggi e piercing sono definiti nelle linee guida approvate con decreto del  dirigente n.1328 del 30 marzo 2009

·         Linee guida per la pulizia dei pavimenti, delle pareti e degli arredi e la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico >>>

·         Linee guida per il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie >>>

·         Informativa inerente i rischi legati all’esecuzione dei trattamenti di tatuaggio e sulle precauzioni da tenere dopo l’effettuazione degli stessi >>>

·         Informativa inerente i rischi legati all’esecuzione dei trattamenti di piercing e sulle precauzioni da tenere dopo l’effettuazione degli stessi >>>

8.8.2008 – BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA – N. 27

ALLEGATO M (art. 86)

Standard minimo del percorso formativo abbreviato per tecnico qualificato in tatuaggio

Percorso formativo a cui possono accedere coloro che hanno conseguito la qualifica di estetista.

Unità formative volte al conseguimento di obiettivi di competenza di base 

Unità formativa 1

Obiettivi di competenza Contenuti formativi Standard

Area socio culturale

Conoscere la storia del costume e gli aspetti culturali del tatuaggio e della cosmesi. Conoscere i simboli ed il loro valore antropologico. Conoscere le principali forme di arte contemporanea che si esprimono attraverso la modificazione, colorazione e alterazione del corpo umano. 

Lingua straniera: comprendere correttamente schede tecniche e scrivere semplici testi di carattere tecnico nell’ambito professionale studiato.

Storia del costume ed elementi di antropologia culturale. 

Storia dell’arte contemporanea con particolare riferimento alla body art.

Inglese tecnico relativo al settore. 

20 ore

Unità formativa 2

Obiettivi di competenza Contenuti formativi Standard durata Area giuridica Utilizzare nello svolgimento dei propri compiti conoscenze di deontologia. I doveri professionali e i diritti del cliente: disposizioni che riguardano l’esercizio ed i limiti della propria professione. Consenso , consenso informato, art.2043 c.c. 

5 ore

878.8.2008 – BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA – N. 27

Unità formative volte al conseguimento di obiettivi di competenza tecnico-professionale

Unità formativa 3

Obiettivi di competenza Contenuti formativi Standard durata

Area psicologica e sociale

Applicare le conoscenze di psicologia comportamentale e motivazionale 

Utilizzare le tecniche di relazione e di comunicazione nel contesto lavorativo

Principi generali della comunicazione e psicologia socio – relazionale con particolare attenzione all’ambito motivazionale  Stili e ruoli comunicativi, strategie comunicative, contenuti e strategie di presentazione.

10 ore

Unità formativa 4

Area igienicosanitaria

Saper leggere una scheda tecnica, valutare eventuali potenziali reazioni allergiche e/o tossiche e utilizzare le conoscenze relative alla chimica dei pigmenti ed alla tossicologia.

Utilizzare le conoscenze di dermatologia in particolare in relazione alle complicanze dei tatuaggi 

Utilizzare conoscenze di igiene ed epidemiologia, effettuare 

Analisi scheda tecnica, principi di chimica di base con specifico riferimento alla conoscenza delle reazioni sulla cute e sulle mucose delle sostanze anche in relazione alle quantità utilizzate. 

Complicanze dei tatuaggi: risposte tossiche o immunologiche, trasmissione di infezioni, reazioni infiammatorie, dermatiti da contatto allergico (DAC) soprattutto da pigmenti di vario coloro, fontoindotte, granulomatose, lichenoidi, pseudolinfomatose, ecc. Problematiche riguardanti la eventuale rimozione dei tatuaggi, i cosiddetti “pentiti”.

Malattie infettive a contagio ematico, detersione, 

15 ore

88 8.8.2008 – BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA – N. 27

 analisi dei rischi e applicare le procedure di HACCP.

Applicare le nozioni di pronto soccorso e saper affrontare situazioni di emergenza 

disinfezione, sterilizzazione, sanitizzazione, procedura HACCP, rischio sanitario, biologico, fisico, chimico, tossicologico.

Primo soccorso: Basic life support: A, B,C. – Valutazione stato di coscienza. Tempo A: pervietà delle vie aeree; Tempo B: respirazione; Tempo C: Circolazione. Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo Shock anafilattico: procedure scritte.

Unità formativa 5

Obiettivi di competenza Contenuti formativi Standard durata

Area tecnicoprofessionale

Effettuare l’analisi della pigmentazione della pelle per la realizzazione del tatuaggio.

Scegliere la parte anatomica adeguata alla tipologia e dimensione del tatuaggio. Effettuare disegni e decori a mano libera (free hand) e/o con uso di stencil

Assemblare gli aghi, preparare la strumentazione e relativi pigmenti.

 Scegliere e applicare l’adeguato effetto cromatico 

Pulire e trattare il derma pre e post tatuaggio Istruire il cliente sulle precauzioni da seguire, sulla cura per il mantenimento del tatuaggio.

Uso della strumentazione, il loro funzionamento ed utilizzo 

Fototipi di pelle

 Educazione all’immagine: prospettive, forme e colori. Tecniche di disegno figurato e ornato.

Tecnica del tatuaggio: Tecnica di assemblaggio degli aghi, preparazione della strumentazione e uso dei pigmenti; Studio delle tonalità, colore e sfumature rapportate alla naturale pigmentazione. 

Tecnica di pulizia e bendaggio: norme igienico sanitarie per il trattamento del derma e istruzioni per la cura e il mantenimento del tatuaggio 

Fondamenti di elettricità. Funzionamento ed utilizzo 

300 ore

898.8.2008 – BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA – N. 27

 Uso delle apparecchiature  Elementi di elettrologia ed elettromeccanica

Il percorso formativo deve prevedere esercitazioni pratiche in aule attrezzate ad integrazione delle lezioni teoriche su materiale inerte. 

Lo stage deve avere una durata minima del 30% del monte ore complessivo.

News inserita il 10/07/2014

Share this post

Potrebbe Interessarti anche: